Tasting speciale sul negroamaro ad Ego, eno gastro orbite

Al primo festival formativo sui temi della cucina e della sala, Ego, eno gastro orbite, portato in Puglia dall’ente formativo Programma Sviluppo il prossimo 20 febbraio a Lecce dalle 9 alle 19 all’hotel Leone di Messapia, si parlerà anche del vitigno negroamaro.

L’evento, ideato per celebrare la centralità del sistema enogastronomico con un focus sulla formazione professionale di figure strategiche per il successo dell’industria della ristorazione, vedrà la partecipazione di deGusto Salento – Associazione del Negroamaro, in qualità di partnership tecnico, con uno speciale winetasting mirato ad approfondire la conoscenza sugli aspetti di tipicità e sul potenziale di longevità del vino da vitigno autoctono del Salento.

Il winetasting esclusivamente dedicato al negroamaro si incastra nel ricco programma del festival che prevede un’articolata successione di: masterclass condotte da quattro chef stellati, tre uomini di sala provenienti dalla ristorazione baciata dalla guida Michelin, esperti in comunicazione e marketing applicati al mondo della ristorazione, giornalisti e degustatori.

«Lo spazio della degustazione in seno ad Ego, Eno gastro orbite, rappresenta un’occasione unica» – spiega Ilaria Donateo, presidente di deGusto Salento – «perché si inserisce nel quadro di un festival altamente qualificato per contenuti e ospiti. Perché, in un evento specificatamente dedicato alla ristorazione, non si può prescindere dal vino. Soprattutto perché, per la prima volta, si crea un momento di confronto reale e tecnico sugli aspetti del negroamaro che coinvolge produttori, enologi, degustatori, giornalisti di settore con l’intento di iniziare a tracciare delle linee guida di riconoscimento, valide sul piano nazionale, del negroamaro» .

Nel corso del winetasting verranno degustate, rigorosamente alla cieca, circa trenta etichette. A seguire verrà aperta una tavola di studio e di discussione cui prenderà parte il parterre di ospiti, selezionato a cura di deGusto Salento, per delineare il quadro dell’attuale percorso del negroamaro, al netto dello stile adottato da ogni singola azienda.

Ma Ego, eno gastro orbite offre davvero tanti spunti di rilievo. Si parlerà di Bocuse d’Or e quattro appuntamenti con la cucina targata Michelin:  la giornata inizierà con i cooking show organizzati grazie alla partnership tecnica con Chic, Charming Italian Chef, con Paolo Barrale, stella Michelin del ristorante Marennà, e Cristian Torsiello, stella Michelin di Osteria Arbustico; dalla Sicilia, terra da cui prende le origini Barrale, sino alla Campania, attraversando il Sele, dove è cresciuto Torsiello, sono previsti due momenti in cui le materie prime saranno quelle offerte da un territorio ampio e ricco in cui la biodiversità è una interessante cifra creativa. Nel pomeriggio si farà un salto fino a Le Colline Ciociare da dove arriva dal ristorante  lo chef Salvatore Tassa, il cuciniere che lavora per proteggere e recuperare la grande cucina della scarpetta. Sempre nel pomeriggio (alle 16) l’appuntamento con Martino Ruggieri, vincitore della finale italiana di Bocuse d’Or e attualmente head chef del 3 stelle Michelin Ledoyen Pavillon.

Ma ci saranno anche lezioni tecniche e teoriche dedicate alla sala a cura di Giovanni Sinesi (sommelier del ristorante Reale e miglior sommelier d’Italia per la Guida dell’Espresso 2016), Ramona Ragaini (di Andreina a Loreto), Antonello Magistà (del Pashà di Conversano), la partecipazione di Noi di Sala, e la case history  di Intrecci (la scuola di formazione dedicata alla sala di Dominga, Enrica e Marta Cotarella) raccontata da Enrico Chiavacci (Direttore marketing di Marchesi Antinori); workshop con focus specifici guidati da giornalisti del calibro di Luciano Pignataro e di Fabio Giavedoni (responsabile nazionale di Slow Wine); e poi, ancora, una sessione dedicata alla comunicazione applicata alla ristorazione a cura di Alberto Bloise, di Cultivar Agency, e del giornalista gastronomico Guido Barendson.

Ma per scoprire tutti i contenuti di Ego Eno Gastro Orbite e iscrivervi alle masterclass, scaricate il programma.

Condividi questa pagina...Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someonePin on Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *